Correggere gli errori

o lasciar perdere? E’ una domanda che mi sono posto tante volte: ci sono colleghi che dicono “non sono mica la maestra!“. Vero: neppure io sono un maestro elementare. Ma ci sono tanti, troppi studenti che, a quanto pare, non hanno mai avuto un maestro/a elementare che leggesse e correggesse i loro errori. Questo andazzo è continuato anche nelle medie inferiori, poi alle superiori e infine all’università: certi errori ripetuti con pervicacia più volte (ad es. “un’altro”, “un altra”) mi fanno pensare che nessun adulto preposto all’insegnamento abbia mai letto i testi di quella persona.

Refusi degli studenti

Quindi mi sono adattato all’idea che correggere sia un male necessario e che gli errori vadano sanzionati. Come? Per ora posso solo togliere qualche punto da votazioni comunque inflazionate. In futuro mi piacerebbe che ogni refuso implicasse il versamento di 10 € in un fondo per l’acquisto occhiali (non da sole) dei docenti.

10 commenti

  1. Non è obbligatorio, anzi (molto) teoricamente uno studente di scienze della comunicazione dovrebbe possedere un livello grammaticale/sintattico quantomeno accettabile: tuttavia, vista anche la lista postata, la situazione non pare così rosea. Cosa fare? Beh, l’ultima parola tocca probabilmente alla sua coscienza: se si sente di fare questo tipo di correzioni, evidentemente così necessarie in certi casi, i suoi studenti non potranno che trarne giovamento (e voti migliori).
    Lo stipendio rimarrà probabilmente lo stesso, ma vuol mettere l’orgoglio di sapere d’essere stato così utile alla causa? E magari ci scappa anche qualche ringraziamento, chissà.

  2. Volevo postare un utility del browser davvero comoda: il dizionario.

    Mozilla Firefox può integrare dizionari di varie lingue e fungere da Word quando scrivete le vostre inserzioni, commenti sui blog, i vostri post, riempite moduli, ecc…

    É gratuito ma è un addon che pochi conoscono: io stesso l’ho scoperto pochi giorni fa…

    Se volete rimuovere i vostri dubbi ecco il link ( https://addons.mozilla.org/it/firefox/browse/type:3 ) anche se, ricordatevi, che l’arma più potente è il vostro innato buonsenso.

    Marco

  3. Io ringrazio Cordef e non mi vergogno a dire che dopo una virgola serve lo spazio, se ho imparato a scrivere decentemente una mail o un documento è grazie a lui che mi ha insegnato le regole principali della punteggiatura e ripeto, non mi vergogno a dirlo perchè gli studenti come me, sono molti, tanti, anzi troppi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...