Nella scuola più che i fondi manca la concorrenza

è il titolo di un articolo che Alberto Alesina (economista all’università di Harvard) ha scritto per il Sole 24 Ore ( articolo 11.09.2008). Alesina spara a zero contro i ministri passati e la loro incapacità di toccare le radici della crisi della scuola italiana: assenza di meritocrazia e di controllo. Ha ragione? Dipende dai punti di vista, per me sì: reduce da una sessione di esami in cui mi sono trovato di fronte la solita situazione di studenti sub-standard che con la loro presenza demotivano quelli bravi.

Riuscirà la signora Gelmini a cambiare la situazione? Non penso proprio, e non solo per la sua furbizia italiota di predicare bene e razzolare male: meritocrazia a parole e esame di avvocato con l’aiutino ( Esami: lo scandalo degli aiutini, Repubblica 10.09.2008).

11 commenti

  1. -Più che altro in Italia si fanno tanti discorsi ma non si fa mai nulla, quindi paradossalmente aspetto interventi radicali di ogni genere capaci di dare input…
    c’e da cambiare la mentalità di tutti noi,ognuno pensa al suo cortile ma non alla collettività generale,e questo vale per tutti i problemi italiani.

    -per il maestro unico sono daccordo al 100%,le casse dello stato non sono illimitate,c’e bisogno di adattarsi agli standard europeri,non possiamo spendere il 20% in più…
    e poi il maestro non sarebbe l’unico ma affiancato a quello di inglese, di ed.fisica,più gli insegnanti del tempo pieno…
    Il carrozzone pubblico italiano deve essere sfoltito,meglio puntare su efficenza e minor costi…

  2. Concordo con Lary per l’introduzione del prof. unico…un bel passo indietro!
    Per quanto riguarda il fatto di creare maggiore concorrenza secondo me sarebbe la panacea per molti problemi della nostra bell’Italia.
    Servirebbe (o almeno contribuirebbe) ad eliminare tutti quegli “scalda sedia” nelle varie amministrazioni pubbliche, ministeri e istituzioni come la scuola italiana.

    A proposito di carenze e disservizi: Prof. , lo chiedo a lei perché sicuramente è stato in facoltà in questi giorni, ma c’è qualcuno…o è deserta???
    E’ da una settimana che mando delle mail al c.d. “personale amministrativo” e nessuno mi considera!

  3. Un provvedimento che trovo assolutamente assurdo è quello della restaurazione del professore unico alle elementari. Si va a perdere tutta la cultura, la diversità, le competenze che diversi professori possono trasmettere in una classe. Mettiamo che quel professore unico non sia abbastanza competente o abbastanza abile nel fare lezione… diventerebbe un grosso problema per lo sviluppo delle capacità di quella determinata classe!!! Tutti quei professori senza lavoro, a spasso o comunque precari, non servirebbero a nessuno e porterebbero a un calo culturale notevole scatenando un circolo vizioso: meno diversità in aula -> meno competenze -> meno voglia di continuare gli studi -> meno nuovi professori e via così!
    Anche la faccenda del grembiulino mi lascia davvero perplessa, va bene inculcare la disciplina ma se manca poi quella cultura che abbiamo detto prima a cosa serve?
    Credo che a volte risparmiare sulla cultura possa essere un danno con effetti enormi e perversi sull’intera società!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...