Vivere in Valle d’Aosta

Ci siamo trasferiti in  Valle d’Aosta nel 2006 dopo aver sempre vissuto a Milano. Da allora la nostra prima e unica casa è in un paesino di 116 abitanti a quasi 1700 metri. All’inizio gli amici e i parenti ci chiedevano se “andava bene”. Di sicuro pensavano che eravamo (e siamo) un po’ matti. A distanza di quasi 10 anni posso fare un bilancio e dire se vivere in valle d’Aosta “va bene”.

Il primo elemento da prendere in considerazione è, ovviamente, se ti piace la montagna. Non solo la montagna da cartolina con i prati fioriti di luglio o quella di febbraio con la neve e il cielo azzurro. Ma la montagna con tormenta e temperature di -20°. E poi quella della tarda primavera con chiazze di neve e prati marroncini o quella di novembre senza neve e senza verde. A me sì. Qualche volta dopo 5-6 giorni di pioggia e nebbia ho qualche perplessità ma poi penso a quando uscivo da casa e andavo in Piazza Tricolore a comprare il giornale e sono felice di essere qui. Là mi veniva da vomitare quando dovevo attraversare il flusso di macchine in viale Majno.

Qui siamo lontani da viale Majno...
Qui siamo lontani da viale Majno…

Ma la montagna non è un’esclusiva della Valle d’Aosta anche se la Valle d’Aosta è in montagna. Vediamo allora le specificità della Valle d’Aosta che possono giustificare il vivere qui piuttosto che in un’altra regione di montagna.

  • Sciare. La stagione qui incomincia presto. Grazie ai ghiacciai di Zermatt a Cervinia si può sciare già a partire da metà ottobre. E grazie alla quota di Cervinia (2000 m.) si riesce a scendere fino in paese sino alla fine della stagione ai primi di maggio. Aggiungo che sciare qui costa poco: come residente uno skipass stagionale feriale (Natale, Pasqua, Carnevale e week-end sono off-limits) per tutta la regione compresa Alagna e Zermatt costa meno di 500 €.
  • Varietà. Nell’arco di un’ora di auto si possono raggiungere valli diverse: Val d’Ayas, Valle di Gressoney, Valle di Champorcher, Valle di Cogne, Valpelline, Valgrisenche, Valsavarenche, Val Ferret, Val Veny. Se ti piace la montagna è un bel plus avere così tante possibilità. In altri posti di montagna devi fare molta più strada per cambiare valle. Qualche nome? Macugnaga, Alagna, Livigno, Madesimo, ecc.
  • Francia. In poco più di un’ora siamo in Francia (Chamonix). Ottime possibilità di shopping e soprattutto una cittadina vivace, bella in qualsiasi stagione.
  • Svizzera. A poco più di un’ora c’è la Svizzera (Martigny). Adesso il cambio non rende vantaggiosi gli acquisti ma in altri periodi la Svizzera era molto conveniente per fare benzina, comprare cioccolato, latticini, ecc. E poi vuoi mettere il piacere di scendere con gli sci a Zermatt e andare a fare un po’ di spesa alla magnifica Coop del paese?
  • Servizi. La Valle d’Aosta è una regione autonoma e come tale ha più risorse per abitante rispetto alle regioni ordinarie: nel 2014 la spesa pubblica per abitante è stata di 7.475 € contro i 2.265 della Lombardia  (vedi articolo de Il Fatto Quotidiano). A più risorse corrispondono più servizi? Vivendo qui direi di sì: vedo ogni giorno l’autobus di linea andare su e giù (in genere vuoto), le strade sono tenute molto bene, l’assistenza sanitaria mi sembra ottima, se ho bisogno di un certificato non faccio coda in comune (siamo 116 abitanti), le biblioteche sono molto belle, i musei ben tenuti, i castelli ben restaurati e così via.
  • Prezzi immobili.  Dipende da dove si vuole stare. Le località piccole e secondarie hanno prezzi davvero bassi come puoi vedere facendo una ricerca su Immobiliare.it degli immobili in vendita in un raggio di 5 km da Antey Saint’André: il prezzo (richiesto) al mq. supera raramente i 3.000 €
  • Pochi consumi. In un posto piccolo le tentazioni consumistiche non sono certo quelle di una grande città. Certo, se fossimo a Livigno o a Cortina il discorso sarebbe diverso…
  • Grandi città. Ma se proprio ti mancano le città tieni conto che puoi raggiungere Milano in due ore (di autobus) e Torino in un’ora di auto.
da casa sei qui in 10 minuti di auto e un'oretta a piedi
da casa sei qui in 10 minuti di auto e un’oretta a piedi

Certo, ci sono anche aspetti negativi ma questi, forse, non sono esclusivi della Valle d’Aosta: i paesi mostrano i danni della cementificazione sciatta e eccessiva avvenuta durante gli anni 60 e 70. Internet a banda larga è in progetto ma al momento qui bisogna accontentarsi dell’ADSL (quando c’è). La cultura locale è molto localistica: siamo in Italia ma qui sei uno straniero. La politica locale non sembra avere grandi progetti e tanto meno una strategia chiara per lo sviluppo. La Valle è piccola e quindi manca sempre la “massa critica”: non oso pensare a chi vorrebbe fare un lavoro creativo e alle difficoltà che incontrerebbe ad avere qui scambi con i suoi omologhi… L’attaccamento alle “tradizioni” (penso all’artigianato) è quasi inquietante: più che la ricerca di novità prevale la ripetizione fine a se stessa. Ma, come dicevo, tutto ciò forse può valere per tante altre realtà di montagna se non, addirittura, per tutto il Bel Paese.

Un quarto d'ora a piedi da casa
Un quarto d’ora a piedi da casa

 

 

 

5 comments

  1. Salve, direi che problemi di furti ci sono nelle zone intorno ad Aosta dove i ladri hanno molte vie di fuga. La situazione è molto diversa nelle valli dove c’è una sola strada. La Magdeleine, dove abitiamo da 10 anni si trova alla fine di una strada e quindi non e una meta comoda per eventuali ladri. Noi non abbiamo mai avuto nessun furto o tentativo di furti anche se la casa rimane vuota per lunghi periodi.

  2. Buongiorno Cordef,

    I suoi blog sono interessantissimi e molto informattivi. Noi siamo interessati a comprare una casa nella valle d’aosta per passare le nostre vacanze durante l’anno e anche come investimento (ma non per affittarla). Volevo per favore domandarvi se nella ragione della Valle D’Aosta i furti in casa sono una problema? La nostra casa sara non occupata per alcuni mesi durante l’anno. Prima di ricercare casa nella Valle D’Aosta ci abbiomo interessati ad Asti nel Piemonte ma ci risulta (dalla ricerca su internet) che in Asti i furti in casa sono tra i piu alti in tutta l’ Italia e allora abbiamo girato il nostro obiettivo sulla Valle D’Aosta.

    Vi ringrazzio e mi scuso per il lungo messaggio. Tanti saluti

    James da Malta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...