Rassegne stampa in Italia: il Palazzo cosa legge?

Quando ero studente la “rassegna stampa” era un fascicolo in formato A4 con un sommario all’inizio e tante pagine, una per ciascun articolo, ritagliato con le forbici, appiccicato con la Coccoina su un foglio di carta: quando la rassegna era finita qualcuno fotocopiava tutte le pagine e le fascicolava. Nelle aziende e negli enti pubblici (comuni, province, regioni, ministeri, ecc.) la rassegna era uno status symbol: il fascicolo non arrivava sulla scrivania di tutti gli impiegati ma solo su quelli dei dirigenti.Ha ancora senso ritagliare e fotocopiare articoli nell’epoca di internet? Forse no e infatti vedo che esistono rassegne stampe on-line in cui, almeno si risparmia la carta. Incominciamo da quelle del Palazzo:

  • Presidenza del consiglio ( RS): la rassegna stampa (curata da l’Eco della stampa) copre i principali quotidiani italiani (Corriere della Sera, La Repubblica, La Stampa, Il Sole 24 Ore, ecc.). Prime pagine e articoli in formato pdf: solo file singoli, non ricercabili full-text (immagini). Nessuna possibiltà di ricerca sui titoli.
  • Camera dei deputati ( RS): la rassegna stampa copre i principali quotidiani italiani. Ricerca in base a testata, data, autore, titolo e full-text.
  • Senato ( RS): la rassegna copre i principali quotidiani italiani (sono sempre gli stessi). Nessuna possibilità di ricerca. Articoli in formato immagine (tiff): illeggibili. La rassegna del giorno è scaricabile in un unico file (pdf) privo di segnalibri e NON ricercabile (sono immagini).
  • Ministero della Pubblica Istruzione ( RS): gli articoli sono consultabili in formato immagine. Ricerca in base a data, testata e titolo, niente ricerca full-text.
  • Ministero dell’Università e della ricerca ( RS): come per il MPI (niente ricerca full-text)

Conclusione provvisoria:

  • il Palazzo non legge a video (gli articoli e le prime pagine sono in formato immagine)
  • il Palazzo non fa ricerche full-text (solo la rassegna della Camera ha una primitiva ricerca full-text)
  • il Palazzo non legge quello che si scrive all’estero (le rassegne coprono solo testate italiane, comprese le microtestate tipo Il Riformista, Il Foglio, Europa, Avvenire, Liberazione, ecc.)
  • il Palazzo non risparmia: che senso hanno tre rassegne (Camera, Senato e Presidenza)? Non ne basterebbe una? Perché far fare a una società privata la rassegna stampa del Governo quando la Camera dispone già di una rassegna più funzionale?

? Chissà quante rassegne stampa ci sono negli enti pubblici italiani: sono tutte fatte così? Possibile che nessuna sia capace di sfruttare al meglio le potenzialità del formato pdf e di Acrobat? Perché non pensi ad una rassegna delle rassegne come tema per una tesi/na di laurea?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...