La Biennale di Venezia

Sono a Venezia per visitare la Biennale di arte. Il rettore di Unimore dovrebbe rendere la vista obbligatoria per tutti gli iscritti a SCO: un’esperienza splendida che puoi fare sino a fine novembre. Il messaggio che leggo chiaro in molte delle opere esposte quest’anno è: metti la fantasia al lavoro per realizzare qualcosa che rimanga, senza preoccuparti che sia vendibile. Ci sono creazioni emozionanti: il nigeriano El Anatsui, ad esempio, espone due strepitosi arazzi fatti di migliaia di capsule di alluminio. Ma fantastici sono anche gli armadi di Christine Hill: che testa!

E poi cosa dire dell’installazione di Sophie Calle? Una che riceve una lettera di addio da parte del suo ragazzo e la fa analizzare da 107 donne diverse registrandone 107 diverse interpretazioni? Magnifica! E lo pensavano le decine di persone di ogni tipo che oggi affollavano il padiglione della Francia nei giardini della Biennale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...